“The cess” is on the book🙄😱

Ho dovuto scegliere due foto da mandare all’editore che verranno messe in “Biografia d’Artista”. Ero tentata di mandarne una scheletrica ma poi ho pensato che non fosse tanto il caso. Non avrebbero sicuramente compreso il senso.

Così ho scelto fra quelle in cui sembro meno cesso.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oh questa sono mica posso  fare diversamente! Nella prima pare abbia una paresi, nella seconda sembra paresi con sorriso, fatto è che le altre erano di un brutto indescrivibile.

E ok anche questa è andata, poi di fondo chi se ne frega della foto, è il contenuto che conta.

Oh mamma, prossimo libro giuro solo fantasmi e scheletri e in quarta di copertina ci metto un teschio e argomento chiuso. Tutta sta roba per me è già troppo, molto oltre il mio modo el “non necessario”.

Qu’elle patience que je n’ai plus!

In punta di piedi, piano piano, la mia linea creativa. Al via🐌🐌🐌🐌

Abbigliamento e accessori.

Una linea che vestirà i “coraggiosi” perché per mettersi addosso qualcosa di mio occorrerà veramente possedere coraggio da vendere. Vestirò grandi e piccini, uomini e donne che con grande spirito sarcastico entreranno a far parte dei “non belli, non fighi, non perfetti”, ma semplicemente “noi così, come ci va”. Una linea che proporrà, con un pizzico di sana ironia, soggetti e situazioni del quotidiano cui tutti, nessuno escluso, siamo soliti vivere.

Gran parte dei miei personaggi verranno stampati su morbidi cuscini, altri su tazze e tazzone per sorridere di prima mattina, altri su t-shirt e canotte.

Non entrerò a far parte del mondo “fashion” e glamour (sia mai) ma e proprio per questo motivo con prezzi competitivi, seguirò le linee guida del mercato estero mantenendo fede al mio stile e al concept di base che verte su un unico principio: siamo tutti “unici” nella nostra “unicità” !!!

La libertà espressiva che questo pensiero di fondo mi ha concesso, mi ha portato a conseguire con piena consapevolezza il focus produttivo che al momento non vedrà prodotti Halloweeniani. Per quanto io sia amante di questa ricorrenza, ho realizzato che mi sarei chiusa dentro un’unica veduta, cosa che avrebbe limitato di molto il mio immaginario.

Lasciando andare la matita verso il mio goffo senso umoristico decisamente auto-critico, profondamente critico e dissacrante talvolta, sono riuscita a reinterpretare “la bellezza della vita” nelle sue più sciocche verità.

Chi vestirò?

Ecco la domanda che mi sono posta sin dall’inizio… Beh, ça va sans dire, ovviamente donne ironiche, capaci di sapersi prendere in giro, forti delle loro debolezze e deboli di fronte alle loro sicurezze. Uomini capaci di scollarsi di dosso gli anni, spiritosi, in grado di essere “uomini” risoluti anche con un po’ di sana ironia. E bambini “educati al NON giudizio”, aperti e sensibilizzati di fronte alle diversità! Per diversità intendo “la capacità di sapersi distinguere, di sapersi ribellare di fronte a tutto ciò che oggi ci vuole tutti uguali”, cosa che considero una seria minaccia per il benessere psicologico dei bambini che un domani saranno adulti.

Con grande entusiasmo vi presento Miss. Born Sleepy la quale ha sempre sonno e vive in pigiama e…..

20190915_143614

Mrs. Lovvy Life, un’anziana signora che si gode la vita nonostante gli anni, i chili e… non sappia nuotare.

QuotePhoto21f4cc39.jpg

Ogni soggetto creato avrà il suo posto e il suo perché. Sono dell’idea che un personaggio che ha dalla sua una storia ben precisa merita una giusta collocazione.

E i disegni?

Ovviamente ci sarà un catalogo dal quale attingere cartoline, segnalibri e stampe. Il richiedente potrà scegliere uno dei miei soggetti e richiederne modifiche. Ad esempio una Miss. Born Sleepy personalizzata da regalare ad un’amica che fa il medico, diventerà una Miss. Born Sleepy medico in pigiama e così via…  Non c’è niente di più bello che “rendere personale” un regalo.

Nuove sezioni.

•Insetti fastidiosi ancora in fase di studio.

Certamente, onde mi venga richiesto per necessità, eseguirò lavori su commissione ma solo se  i motivi saranno più che validi. Una regola che mi sono imposta per rispetto nei confronti del mio operato.

Bozze: